Archivi tag: screening

BaBeL2 moviesBaBeL2 movies

Cidade dos Homines
Umshini Wam
Play Time

MOVIES ::: proiezioni 12.11.2011

a partire dalle 18:00

City of Men (Cidade dos Homens) / Kátia LUND, Fernando MEIRELLES, 102′
City of God racconta la storia sulle origini dello spaccio nelle comunità collinari di Rio de Janeiro. Gli spacciatori qui sono il tema del film, sullo sfondo si vede la comunità che apprende ad affrontare questo nuovo ordine. City of Men potrebbe essere pensato come l’altro lato della storia. E la storia dei diversi aspetti del vivere in una di queste comunità, in questo caso il problema è la paternità o la rottura della cellula familiare, e il traffico di droga resta sullo sfondo.


Umshini Wam (Bring me my machine gun) / Harmony KORINE, 16′
Grandi sogni, grandi canne, grandi cerchioni e grossi calibri. È tempo di diventare gangsta, gangsta. Ninja e Yo-Landi sono veri amanti sulla sedia a rotelle e veri gangsta. Vivono nella periferia della civiltà, sparano a vuoto per divertimento, fumano canne massicce e dormono nel bosco. Non hanno alcuna gioielleria sbrilluccicante da mostrare per loro credibilità gangsta ma il mondo merita di sapere chi sono. Sono barboni, e le loro ruote stanno iniziando a mollare. Ninja è stanco della loro esistenza vagabonda ma Yo-Landi non gli permette di rinunciare. Ciò che ne deriva è un guaio per il più grande gangsta, il realista del reale, la vera merda gangsta.http://www.youtube.com/watch?v=eMVNjMF1Suo


Play Time / Jacques TATI, 119′
L’ossessione della società capitalista per i beni materiali, le superficiali relazioni sociali, e la natura fredda e poco pratica della tecnologia e del design: Playtime è un commento ironico e lucido sull’architettura della globalizzazione e dell’International Style. “Play Time è un film giustamente celebrato per i suoi set stupefacenti. Ogni scena è girata in un modello di una Parigi iper-moderna appositamente costruito, tutte superfici piane, pavimenti scintillanti e mobili scomodi. Gran parte è realizzato tramite una prospettiva forzata (gli edifici vicini sembrano più distanti e quindi più grandi) e con facciate fotografate posizionate di fronte ad altre strutture (e quindi che non offrono riflessi nei loro pannelli specchianti). Il cast delle comparse è riempito di sagome bidimensionali di foto di persone. Tutto questo artificio contribuisce alla sensazione di una città progettata per il potere estetico e inadatto per i suoi abitanti umani. Le persone sono ridotte agli atomi di una vasta rete di cubicoli, appartamenti in scatola, pareti di vetro, ascensori, marciapiedi e passerelle replicanti”. Dan North http://drnorth.wordpress.com/2008/11/12/jacques-tatis-playtime-modern-life-is-noisy/