BaBeL2 intervistaBaBeL2 interview

aricolo sole24casa
La residenza si rigenera
BaBeL2 Press

“Criteri adattabili all’edilizia resi­denziale che, rispetto alle infrastrut­ture, conduce a risparmi più piccoli su interventi minori, ma potenzial­mente più numerosi. A Roma in pri­mavera si svolgerà un festival sul­l’abitare critico per analizzare que­ste tematiche. Tra gli organizzatori c’è l’architetto Francesca Iovino, do­cente a contratto all’Università di Chieti e alla Sapienza, che spiega: «Durante il festival Babel, che si svolgerà a maggio, studieremo espe­rienze spontanee di autocostruzio­ne e di autorecupero». Attraverso workshop con professionisti e ricer­catori internazionali, si affronteran­no anche temi come la decontestua­lizzazione dell’oggetto, «al quale vie­ne dato nuovo significato nell’atto del riuso – aggiunge -. In Italia non se ne parla mai e dobbiamo chiama­re professionisti dall’estero». A Utre­cht, per esempio, si è svolto un evento sull’architettura “parassita”, «Pa­rasite Paradise»: di italiani neanche l’ombra, fatta eccezione per un pro­getto artistico di Vito Acconci (che però si è formato e vive a New York).”
Sole24ore/Casa 24 Plus – Giovedì 1 Dicembre 2011 – La residenza si rigenera di Cristiana Raffa. Articolo completo in pdf: scarica qui o leggi online qui www.casa24.ilsole24ore.com

BaBeL2 controcartografie 01BaBeL2 countermapping 01

Tag Cloud Abitare Critico
Tag Cloud dell'Abitare Critico
BaBeL2 MAP experimental

Qui sotto la prima mappa sperimentale dell’Abitare Critico che sarà distribuita gratuitamente nella prima session di BaBel2, perchè il 99% ha diritto alla città. Le parole chiave @wikibabel

Map.01 BaBeL2
Map.01 BaBeL2

e qui i link per scaricare le cartografie esposte a BaBeL2
MAP-It///www.map-it.be/
BaBeL2///Critical Housing Map
Universitè Tangente///utangente.free.fr/
Sciatto Produzie/// isole.ecn.org/sciattoproduzie/
Iconoclasistas///www.iconoclasistas.com.ar/
Ashley Hunt///ashleyhuntwork.net/
Bureau d’Etudes///bureaudetudes.org/

BaBeL2 – proiezioniBaBeL2 – screenings

Quadrillage
Quadrillage (The Grid)
QUADRILLAGE ::: proiezioni 12.11.2011

Riceviamo da The Psychic Warfare questo video e questo comunicato:”La sezione tedesca del The Psychic Warfare ha ospitato la prima Cooperazione Internazionale dello PW. Il risultato è il secondo video della serie “The Psychic Warfare Video Digest”. L’argomento di questo numero è Spazio Architettura Urbanismo. Benchè The Psychic Warfare non faccia mai le sue scuse, questa volta dobbiamo farle alla sezione Irlandese che ha messo molto lavoro in questo video, ma è stata esclusa dai credits per colpa di un editor ubriaco”. Guarda il video! PW video digest #2. Il video sarà trasmesso nel corso delle attività di BaBeL2

BaBeL2 music – EVOL/VEBaBeL2 music – EVOL/VE

EVOL/VE
EVOL/VE ::: FM Einheit - Massimo Pupillo
EVOL/VE ::: FM Einheit Massimo Pupillo Live 12.11.2011

2010 – l’anno del contatto. FM Einheit ha rivoluzionato fin dalle fondamenta il concetto stesso di musica industriale, prima con gli Einstürzende Neubauten poi da solista, sempre seguendo strade laterali, percorsi non convenzionali; Massimo Pupillo ha plasmato un suono personalissimo, abrasivo, unico, dalle quattro corde del basso che continua instancabilmente a maltrattare. Insieme generano EVOL/VE, progetto di improvvisazione a 360 gradi che ripensa il ruolo dell’industrial music nel terzo millennio; radicalmente improvvisativo e ricavato in larga parte da sessioni live, il disco in uscita il 9 Novembre su Offset records, documenta l’unione di due individualità in stato di grazia. Ma è dal vivo che questa esperienza può essere veramente apprezzata. Quando ogni barriera spaziotemporale è stata abbattuta dalle nuove tecnologie, quando buona parte delle profezie dei più oscuri e pessimisti scrittori cyberpunk non solo si sono avverate ma sono pure state oltrepassate di diverse lunghezze, quando si è assistito allo scorporamento definitivo della musica in tanti file impersonali da accumulare in un hard disk che può andare in crash da un momento all’altro, è ora di imbracciare nuovamente i ferri del mestiere, di ricominciare a fare rumore con nuovi mezzi e nuove motivazioni.
Gli edifici moderni tornano a crollare.
FM EINHEIT: metal spring; clay bricks; drills; metal sheet; laptop
MASSIMO PUPILLO: electric bass; effects
off-set production

BaBeL2 moviesBaBeL2 movies

Cidade dos Homines
Umshini Wam
Play Time

MOVIES ::: proiezioni 12.11.2011

a partire dalle 18:00

City of Men (Cidade dos Homens) / Kátia LUND, Fernando MEIRELLES, 102′
City of God racconta la storia sulle origini dello spaccio nelle comunità collinari di Rio de Janeiro. Gli spacciatori qui sono il tema del film, sullo sfondo si vede la comunità che apprende ad affrontare questo nuovo ordine. City of Men potrebbe essere pensato come l’altro lato della storia. E la storia dei diversi aspetti del vivere in una di queste comunità, in questo caso il problema è la paternità o la rottura della cellula familiare, e il traffico di droga resta sullo sfondo.


Umshini Wam (Bring me my machine gun) / Harmony KORINE, 16′
Grandi sogni, grandi canne, grandi cerchioni e grossi calibri. È tempo di diventare gangsta, gangsta. Ninja e Yo-Landi sono veri amanti sulla sedia a rotelle e veri gangsta. Vivono nella periferia della civiltà, sparano a vuoto per divertimento, fumano canne massicce e dormono nel bosco. Non hanno alcuna gioielleria sbrilluccicante da mostrare per loro credibilità gangsta ma il mondo merita di sapere chi sono. Sono barboni, e le loro ruote stanno iniziando a mollare. Ninja è stanco della loro esistenza vagabonda ma Yo-Landi non gli permette di rinunciare. Ciò che ne deriva è un guaio per il più grande gangsta, il realista del reale, la vera merda gangsta.http://www.youtube.com/watch?v=eMVNjMF1Suo


Play Time / Jacques TATI, 119′
L’ossessione della società capitalista per i beni materiali, le superficiali relazioni sociali, e la natura fredda e poco pratica della tecnologia e del design: Playtime è un commento ironico e lucido sull’architettura della globalizzazione e dell’International Style. “Play Time è un film giustamente celebrato per i suoi set stupefacenti. Ogni scena è girata in un modello di una Parigi iper-moderna appositamente costruito, tutte superfici piane, pavimenti scintillanti e mobili scomodi. Gran parte è realizzato tramite una prospettiva forzata (gli edifici vicini sembrano più distanti e quindi più grandi) e con facciate fotografate posizionate di fronte ad altre strutture (e quindi che non offrono riflessi nei loro pannelli specchianti). Il cast delle comparse è riempito di sagome bidimensionali di foto di persone. Tutto questo artificio contribuisce alla sensazione di una città progettata per il potere estetico e inadatto per i suoi abitanti umani. Le persone sono ridotte agli atomi di una vasta rete di cubicoli, appartamenti in scatola, pareti di vetro, ascensori, marciapiedi e passerelle replicanti”. Dan North http://drnorth.wordpress.com/2008/11/12/jacques-tatis-playtime-modern-life-is-noisy/

BaBeL 2 music – Stirpe 999BaBeL 2 music – Stirpe 999

reeks
Fire at Work + Reeks vs Byruzz
Stirpe 999: fire at work + reeks vs byruzz 12.11.2011

Live set audio video di sonorizzazione e manipolazione dal vivo di materiale cinematografico e di animazione dai ’70 ai ’90. Reeks con le sue manipolazioni elettroniche rielabora e segue l’audio originale del materiale video arricchendolo con sintetizzatori e drum machine; Byruzz manipola il video originale seguendo la nuova colonna sonora e adattandolo al nuovo ritmo.
STIRPE999 è una label indipendente nata nel 2003 a Roma, nel percorso intrapreso da FIRE AT WORK, un combo di musica elettronica sperimentale che alla fine degli anni ’90 riesce velocemente ad imporsi sulla scena underground internazionale: punto di riferimento per la produzione, diffusione e condivisione di musica elettronica indipendente. Sperimentazione sonora e ritmica alla ricerca di nuovi linguaggi musicali, fuori dalla logica dell’intrattenimento e capaci di innescare reazioni. Underground come scelta di campo, critica e consapevole.
STIIRPE999 è la naturale evoluzione di questa avventura. Dal 2003 è terreno di confronto per artisti di tutto il mondo, mossi dalla comune necessità/volontà di creare comunicazione e cultura dal basso, libera ed accessibile a tutti nella coscienza che solo violando i perimetri della cultura ufficiale si puo creare musica e non merce di consumo. stirpe999antilabel

BaBeL2 music – SHABaBeL2 music – SHA

SHA System Hardware Abnormal
SHA System Hardware Abnormal
Nuovasarin ghost label: SHA 12.11.2011

In System Hardware Abnormal a farla da padrona è una forma schizofrenica e sociopatica di harsh noise. Ma non solo. I paragoni con Merzbow e col Lesser piu’ sgraziato rendono solo in parte l’idea: a chiusure autistiche corrispondono esaltazioni maniacali e aperture di totale abbandono al mondo degli acufeni. Piuttosto System Hardware Abnormal compete, in quanto a surreale atrocità, con i migliori musicisti di quella scena invisibile che in tutto il mondo sta portando all’estremo i connotati paradossali del suono digitale, con fare ironico e gusto della provocazione (un esempio per tutti, Passenger of Shit).
Accasato con Turgid Animal, Stront e Sonic Belligeranza, porta avanti numerosi progetti paralleli sotto identità fittizie. Potresti infatti essere anche tu. system hardware abnormal@myspace nuovasarin systemhardwareabnormal@bandcamp

BaBeL2 workshop – Map-itBaBeL2 workshop – Map-it

map-it workshop
MAP-it workshop
MAP-it / laboratorio di mapping partecipativo

Thomas Laureyssens del collettivo di MAP-it, artista, interaction-designer e ricercatore di sistemi ludici guiderà un gruppo di partecipanti a esplorare uno spazio in modo critico per costruire una mappa partecipativa.
Con l’aiuto di Thomas i partecipanti potranno esprimere e visualizzare le proprie riflessioni su una mappa attraverso un kit di icone sticker, superando tutte le difficoltà comunicative di un gruppo eterogeneo.
Questo metodo di analisi e resa grafica di un processo nello spazio e nel tempo è Map-it system, il risultato di un progetto collaborativo tra Social Spaces (Media, Arts & Design Faculty), Cultural Studies (University of Leuven), Z33 – house for contemporary art,  Expertise Center for Digital Media (UHasselt) e BAM. MAP-it

Per partecipare al workshop invia una e-mail a babel.forteprenestino (at) gmail.com

BaBeL2 lecture – AnopticonBaBeL2 lecture – Anopticon

Anopticon map
Anopticon - Tramaci.org
Anopticon / lecture di contromapping della sorveglianza

Il Grande Fratello orwelliano osserva, modifica l’informazione a seconda delle sue esigenze per controllarci. È l’esperienza di vita nel Panopticon, la struttura formale del controllo. Ma il Panopticon è debole, perché se tutti i sorvegliati si girassero contemporaneamente verso la torre a guardarla il Grande Fratello avrebbe la certezza di essere osservato. Il Panopticon sarebbe trasformato in Anopticon. Il Progetto Anopticon che presentiamo a Babel è un insieme di programmi che tenta di osservare cosa sta facendo il Grande Fratello. Osserva diritto “dentro alla torre sorpassando gli scudi”. Lo scopo è osservare, documentare e rendere pubbliche le statistiche sul controllo del Grande Fratello, invertendo il concetto di Panopticon. Misurando la somma delle aree videosorvegliate dalle telecamere individuate e calcolando il rapporto tra spazio percorribile e spazio sorvegliato si configura un indice libertà di movimento/ampiezza del controllo.
La mappatura delle telecamere di sorveglianza di Venezia è parte del progetto Anopticon. A Venezia è in sperimentazione dal 2007 il sistema ARGOS (Automatic & Remote Grand Canal Observation System) che consente il controllo in tempo reale del flusso di traffico acqueo, ma che sta fornendo anche la trama di un controllo di posizione globale dei movimenti che osserva con tracciamenti ed elaborazione di dati (posizione gps, velocità e numero di serie), visibili in tempo reale all’indirizzo: http://argos.venezia.it/dati/elenco.xml .
Con questa mappa inizia un viaggio all’interno della videosorveglianza, si osserva una Venezia mai vista prima. Ma questo progetto può essere svolto in qualsiasi città del mondo perché la mappa è globale.
Grande Fratello, NOI ti stiamo guardando! tramaci.org/

independent biennale of critical housing